OSSANA

OSSANA

OSSANA

OSSANA:

Ossana si propone come centro turistico estivo di prim’ordine, e lo fa attraverso la ricchezza imponente che la storia le ha lasciato nel corso dei secoli. Il paese, posto all’imbocco della Val di Peio e ai piedi delle cime del gruppo della Presanella, ha vissuto recentemente uno sviluppo dato da un qualificato arredo urbano, il miglioramento dei servizi e delle strutture. Ne è risultato un connubio felice tra ambizioni turistiche e altri settori di sviluppo, quali l’agricoltura, il commercio, l’artigianato.

 

Da non perdere:

IL CASTELLO DI SAN MICHELE - OSSANA

La sua mole colpisce il viaggiatore, lasciandolo senza fiato. Il castello, che sorge su una collina che recenti scavi hanno confermato essere stata abitata fin dall’età del bronzo, si presenta come un classico avamposto di osservazione costruito in un punto di passaggio strategico: dal suo esterno si può infatti godere di una vista mozzafiato. Forse risalente all’età longobarda, di esso abbiamo traccia scritta per la prima volta nel 1191. Fu dominio dei vescovi di Trento, usurpato alla fine del XIII secolo da Mainardo del Tirolo. Ne vennero poi investite numerose famiglie nobili, come i Federici, gli Heydorf, i Bertelli, espugnato dai contadini ribelli ai tempi della guerra rustica del 1525. Il castello, cinto da due linee di mura e da un bastione cinquecentesco, ha nel suo possente mastio l’elemento più caratteristico. Alto 25 metri, esso domina la valle e rimane l’elemento architettonico meglio conservato dell’intero complesso.
Dal 1992 è di proprietà della Provincia Autonoma di Trento che ne ha curato il restauro ed ora è aperto al pubblico.

Poco ad Est del paese di Ossana, ai piedi della chiesa di Sant’Antonio, si allarga l’ex-cimitero di guerra austro-ungarico, che diede onorata sepoltura a più di 1400 soldati periti sul fronte del Tonale durante il primo conflitto mondiale. Quel pianoro, su cui sorge il monumento al Kaiserschütze (di Othmar Schrott-Vorst, 1917), ora è diventato Parco della Pace, in segno di fraternità dei popoli.

 

OSSANA, IL BORGO DEI PRESEPI

Nel 2016 l’intero borgo di Ossana ha festeggiato la XVII° edizione percorso dei 100 presepi, divenuto ormai un appuntamento imperdibile per abitanti locali, turisti e visitatori di tutta la Val di Sole e delle valli limitrofe. Il percorso è segnalato da una corda rossa con decorazioni natalizie e illuminato da antiche lampade a olio. Lasciatevi guidare dalla luce, che come una stella cometa vi accompagnerà alla scoperta di più di 100 caratteristici presepi! Tutte le opere sono state realizzate manualmente da associazioni di volontariato, gruppi, scuole, famiglie, artisti e singoli cittadini di Ossana e dell’intera Val di Sole. È questa un’occasione unica per ammirare tali manufatti costruiti con stupefacente creatività, utilizzando materiali inusuali e impensabili (ad es. stoffa, legno, sementi o foglie di granoturco). Obiettivo di ogni artista (improvvisato e non) è infatti quello di esprimere, attraverso il presepe, le proprie idee e i propri modi di "essere" e "vivere" il Natale, con la speranza di regalare ai visitatori sensazioni, sentimenti, emozioni. Gli angoli più nascosti del paese e le vecchie "cort" si animano, giochi di luce e suoni avvolgono gli ospiti nel lungo itinerare tra i presepi, confortandoli con un’atmosfera di serenità.

 

 

MERCI À NOS PARTENAIRES et organisateurs

ZONES DE COMPÉTITION